10368271_10204087923266814_9202683654108512441_n

 

pensavo ai conigli tra i fiori
alle valvole d’oro dell’universo
che se una ti chiama l’altra ti tiene ossidi il tempo
lo spingi a svanire bisogna argomentare un atto

_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/_/ rivoluzionario

che dondoli il nome del non accaduto cosìforte
se il fiore dell’ora è una soglia
rotola il mondo su sé sottilmente, inclinando l’orecchio
su Pegaso al dorso, inspirarne il rumore

.

[14-05-14Doris —-<–@ dedic. Paolo e Lola]

.

manco da molto – qui – ma forse nemmeno, io non abbandono mai solo a volte scompaio da qualche parte benebene non so dove, ma vicino, credo… ricomincio ad abitare con questa poesia, esistita da sempre in due modi che non riesco a disgiungere una rivelata l’altra gemella la tiene per mano con una sola parola diversa (due). Dedicata a Paolo (che non mi legge) e a Lola (che non mi ha mai letto), a loro grazie, per molto ❀…

.

[menzione speciale al Premio Lorenzo Montano 2016 sezione una poesia inedita]

Annunci