463_3

a morire in un vento rosso di follia
sorprendermi di lama intransigente

biascicare – interludi – dedicati sfioramenti
sentilamialinguacometaglia e il soffiosibilo
che ti starà come un segreto
steso all’inguine – gelido di tocco

___________________________
__________scenderescenderescendere
un’inumana chiocciola – vertigine asciugata

nella foresta della mia amazzonia
ruspo un cratere infido
dal di dentro frantumo la mia casa e
questa mia mostruosità raccolta – parole ticchettio

lei aveva occhi grandi
e spazi angusti dove mescere le tarme“…

un colpo, un tonfo, forse un ringhio, smorto
spento, come un lenzuolo, avvolto

Annunci